21Sep2016

Mina la Rondinella, una fiaba moderna, positiva e green per i nostri bambini

Dott.ssa M. Elena Setti

 

 

Le favole sono uno strumento importantissimo per portare ai nostri bambini valori come Amicizia, Rispetto per la Natura, Positività verso la vita. Abbiamo incontrato per voi Christian Del Grosso, l’autore di una nuova meravigliosa serie di favole per bambini!

 

Maria Elena: Ciao Christian, una rondinella è passata di qua e ci ha raccontato che si chiama Mina e che è stata creata da te. Ci racconti un po’com’è nata?

 

Christian Del Grosso: Mina è nata una notte. Ero andato a letto, quando ho visto l’immagine mentale di questo uccellino che era appoggiato per terra e inseguiva un fiorellino rosa. Mi aveva molto colpito, era molto cicciosa, molto paffutella, simpatica, e allora mi sono alzato a schizzarla velocemente su un album. Ogni volta che appoggiavo la testa sul cuscino, appariva un’altra immagine, e così per tutta la notte. Ho passato una notte in bianco, mi ricordo, a disegnare a velocità della luce queste immagini che mi venivano. E, insieme alle immagini, arrivarono anche le parole, come se ci fosse qualcuno a dettarmi una favola, praticamente, no? E così è nata la storia di Mina, che è una storia molto lunga e sarà divisa in un po’ di libri: infatti, gli schizzi che ho fatto sono tanti e pian piano li ho divisi in più puntate in cui Mina, attraverso la sua storia, racconta, tocca vari temi.

 

Maria Elena: Ecco. Quindi, Mina è una rondine, giusto?

 

Christian Del Grosso: Sì. Mina è una rondinella un po’ diversa dalle rondini classiche che conosciamo perché è di un blu lavanda e ha il petto arancione e giallo anziché bianco, come le rondini normali. Esce un po’ dalle belle righe perché non ha amici classici, ma ha amici insetti e le rondini si cibano di insetti. Lei, invece, come amici ha una coccinella e Vanessa, che è una farfalla, e che sono le sue due spalle con cui vivrà spesso delle avventure. Ogni animale, poi, è legato anche a una simbologia, che ho studiato sia su internet che su libri specifici, una simbologia anche di bassa cultura: per esempio, la coccinella porta fortuna. Alcune delle simbologie sono legate anche a tante leggende su questi animaletti, tutte cose che poi ho scoperto andando a leggere, a istruirmi, a scoprire. Perché a me piace molto scoprire, divertirmi, creare.

 

Maria Elena: Quindi, Mina ha degli amici, perciò sicuramente c’è il valore dell’amicizia all’interno di queste favole, ma ci sono anche altri temi?

 

Christian Del Grosso: Sì. Ad esempio, il primo libro che è uscito e che si intitola “Esprimi un desiderio” tocca il tema del pregiudizio. Mina conosce in un modo un po’ divertente questa farfalla e la farfalla, di primo acchito, ha molta paura di lei, la giudica male perché sa che le rondini…si cibano delle farfalle! Per cui ha tanta paura e, quindi, la tratta anche molto male, perché le viene il terrore di essere mangiata, e questo pregiudica tutto il valore che, poi, scoprirà che Mina ha: perché l’unica cosa che Mina non vuole fare è proprio cibarsi di questa farfalla, di Vanessa, ma conoscerla e diventarne amica. Poi non vi svelo altro, perché altrimenti…

mina

 

Maria Elena: Bisogna leggere il libro per scoprirlo! Quindi i vari temi trattati sono pregiudizio, amicizia e…

 

Christian Del Grosso: E diversità. Mina è un personaggio interculturale, perché la rondine, essendo un animale che migra, tocca anche Paesi diversi. Dall’Europa all’Africa, ma anche il Giappone. Gira il mondo e, girando il mondo, tocca diverse culture, ci presenterà diversi luoghi e racconterà sia la cultura di questi luoghi, ma anche le usanze, le leggende, le storie legate ai posti che visita.

 

Maria Elena: Quindi si toccherà anche il tema dell’integrazione.

 

Christian Del Grosso: Sì.

 

Maria Elena: E la Natura.

 

Christian Del Grosso: Soprattutto la Natura, vista in un modo diverso. Infatti, punto molto con le mie illustrazioni a rendere personaggio anche la Natura. Mina, ma non solo lei, anche i suoi amici, Vanessa, Lella e poi tutti gli altri animaletti che conoscerà nei suoi viaggi, ci presenteranno la Natura così come loro la vedono. Per esempio, in un’illustrazione tu potrai vedere un semplice albero, ma qualche illustrazione dopo quell’albero è trasformato, ad esempio, nello spirito che lo abita, perché lo vediamo così come lo vede Mina.

 

Maria Elena: Quindi vedremo il mondo con occhi diversi, con gli occhi di Mina e degli altri personaggi.

 

Christian Del Grosso: E scopriremo anche curiosità e nuove prospettive

 

Maria Elena: Questo aiuta sicuramente ad aprire la mente e anche per i bambini è molto utile imparare a vedere le cose come possono vederle gli altri.

 

Christian Del Grosso: Certo, appunto. Soprattutto.

 

Maria Elena: Christian, raccontaci che tipo di legame c’è tra Mina e Alchimia Natura?

 

Christian Del Grosso: Con Alchimia Natura c’è un legame importante, perché Mina, in una sua avventura, volerà sui campi di lavanda dove Alchimia Natura coltiva questa meravigliosa pianta e in questi campi conoscerà la Fata Lavanda, con la quale poi vivrà un’avventura che non vi svelo perché altrimenti… cade la sorpresa. Però, diciamo che insegnerà alle persone, ai bambini, anche le qualità che hanno la lavanda e gli altri fiori che conoscerà in questo giardino, un giardino che Mina considera un po’ come il Paradiso perché è un luogo idilliaco per lei. Mina, infatti, arriva in questo posto dopo essersi ammalata: si ammala di “smogghite” perché scopre che il luogo in cui abita è pervaso da questa cappa di afa, di smog, e le rondini sono conosciute anche perché stanno in luoghi dove l’aria è pulita. Perciò ha bisogno di andarsene, di cercare luoghi dove l’aria è più respirabile anche per lei, e scopre questo campo: vede dall’alto questo albero disegnato sulla terra e, allora, viene incuriosita da questo posto e decide di starci per un po’. E lì conosce altri animaletti, che le spiegano la vita di questi campi. Conoscerà Otto, un passerotto molto amico di Alessandro e di Maria Elena, che le spiegherà che alcuni umani non sono poi così terribili e terrificanti come crede, ma sono amici della Natura. Per cui, insomma, anche lei scoprirà di avere dei pregiudizi come li aveva avuti Vanessa su di lei, no? Perciò, in varie avventure, Mina scoprirà delle cose, ma insegnerà anche delle cose ai bambini o a chi avrà il piacere di leggere le sue storie.

mina

 

Maria Elena: Per che età è consigliata Mina?

 

Christian Del Grosso: Guarda, abbiamo testato i racconti in varie scuole – materne, elementari e anche le medie – e abbiamo scoperto che ai bimbi dai tre o quattro anni in su... fino ai centocinquant’anni, praticamente, il libro piace. Il personaggio piace perché è proprio rotonda, è proprio spiritosa.

 

Maria Elena: È spiritosa, è allegra, è positiva.

 

Christian Del Grosso: Sì, è proprio… e ha un caratterino bello tosto.

 

Maria Elena: E’molto bello che mentre Mina impara delle lezioni, in realtà insegna tutti questi valori anche ai lettori. Tramite le sue avventure, impariamo tutti ad avere un maggior rispetto della Natura, impariamo l’amicizia, impariamo a conoscere gli animali, impariamo a conoscere le piante anche attraverso le leggende…

 

Christian Del Grosso: Sì, Mina e i suoi amici scopriranno e ci faranno scoprire anche i benefici che si traggono dalle piante. Ad esempio, Lella, che dei tre personaggi è il personaggio più piccolo, ma non per questo è il più debole, anzi. Dove arriva lei non possono arrivarci gli altri perché, insomma, lei è più piccolina, per cui anche mentalmente arriva dove Vanessa e Mina non riescono. Ad esempio, Lella ha la passione, tramandatale dalla nonna, di sperimentare, preparare degli intrugli con le piante, quindi fa pozioni, fa oli essenziali, consiglia sempre a Mina e a Vanessa e agli altri animaletti qual è la pianta più adatta per curarsi. Ad esempio, a Mina, in un momento in cui è molto triste, Lella consiglia: “ti farebbe bene una buona tisana agli agrumi. Sai, perché…” E quindi, insomma, dà degli spunti che sono veri, documentati, non inventati.

mina

 

Maria Elena: Mi ricorda qualcuno questa Lella…

 

Christian Del Grosso: Tu! Infatti, prendo molto spunto dalla gente che conosco, dalle persone, dagli amici, ma anche il mondo ti offre una varia categoria di spunti per poter disegnare, inventare, creare.

 

Maria Elena: Bene, adesso non ci resta altro che leggere il primo libro di Mina e aspettare con ansia il secondo! Ringraziamo anche Francesca Scalinci per i testi del primo libro di Mina ”Esprimi un desiderio”.

mina

Da sinistra: Francesca Scalinci, Maria Elena Setti, Christian Del Grosso con Mina.

 

 

Maria Elena:

Mina vi aspetta anche sulla sua pagina FB

E da oggi anche sulle etichette della Linea per mamma e bimbo” Calendulè Mina” di Alchimia Natura, che festeggia con voi la nascita di questo straordinario uccellino!

mina

cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Cliccando su ISCRIVITI si accettano le condizioni sulla PRIVACY.

Archivio

Leggi tutti gli articoli

Prodotti Mamma e Bimbo

Prodotti specifici per la gravidanza, per la mamma e il suo bambino

banner

bambini
oli essenziali
aromaterapia
olio
lavanda
estate
massaggio
fiori di bach
camomilla
gravidanza

torna
indietro
sfoglia
archivio